Cartucce Affrancatrici

Cartucce PostBase MINI: Quante Affrancature o Quanti ml?

francotyp-postbase-mini-q2353a-cartuccia

Il funzionamento del gruppo stampa delle macchine affrancatrici postali digitali di ultima generazione è regolato da dispositivi elettronici (microchip).
Il sistema scambia informazioni con il software (firmware versione IT) che risiede nella MAAF e che determina il riconoscimento della codifica (la quale cambia da Paese a Paese). Infine, governa il funzionamento della cartuccia fino a decretare l’esaurimento delle impronte di stampa (affrancature) disponibili (con un vero e proprio conto alla rovescia).

La PostBase MINI è una macchina affrancatrice postali di prima fascia e monta 1 sola cartuccia singola 
(NB: contrariamente al modello intermedio Francotyp PostBase 30,45,65,85 che monta invece 2 cartucce alla volta – Le cartucce Postbase 30,45,65  non funzionano sulla MINI  e viceversa)

La MINI ha in dotazione 1 cartuccia di cortesia in omaggio anche detta “starter” che:
– permette di avviare da subito la macchina affrancatrice postale
– realizza tuttavia un numero di impronte postali che varia tra le 500 e le 700 affrancature

Fortunatamente, la cartuccia definitiva che si acquista nel post vendita dura assolutamente di più.

Per il mercato italiano esiste solo la Q2353A cartuccia in versione originale FP,  che realizza in media 2,000 affrancature.

Quanti ml?

Indipendentemente dai millilitri di inchiostro blu Affrancaposta presenti nel serbatoio, la durata della cartuccia PostBase Mini ed il numero di impronte realizzabili viene regolamentata dal dialogo tra il chip e la macchina affrancatrice (MAAF).

La quantità di inchiostro “ml” presente in altri modelli di cartucce affrancatrici digitali è una dicitura del tutto convenzionale che non influenza la durata della cartuccia PostBase Mini e pertanto non viene dichiarata dal costruttore.

Francotyp Postalia® (FP) è una multinazionale tedesca specializzata in affrancatrici e imbustatrici postali. Le macchine affrancatrici postali Francotyp sono in grado di ricoprire le più svariate esigenze di gestione della corrispondenza. La T1000 nata nel 1989 è il stato modello di affrancatrice FP più diffuso in Italia. La più recente Optimail, affranca mediante gli stessi collaudati nastri termografici della T1000 ed è caratterizzata da un design più contemporaneo con una carrozzeria dal colore blu. L’antecedente elettromeccanica Francotyp EFS 3000 sfrutta invece la tecnologia di stampa ad impatto. Dispone di un serbatoio ricaricabile che distribuisce l’inchiostro sul tampone inchiostrante, situato nel cuore del gruppo stampa. Tra i primi modelli digitali di Francotyp, spiccano nell’ordine le affrancatrici inkjet Mymail e Ultimail. Con l’adozione dell’inchiostro di colore blu, le Ultimail di ultima generazione hanno contribuito ad aprire la pista a nuovo sistema Affrancaposta. Attraverso il collegamento telematico, il servizio Affrancaposta permette l’aggiornamento tariffario e la ricarica del credito da remoto, oltre alla detrazione fiscale totale dell’importo delle affrancature. Gli utenti più esigenti del passato hanno utilizzano anche i modelli di punta JetMail e Centormail. Quest’ultima si distingue per il suo esclusivo sistema di alimentazione verticale e è capace di affrancare buste con spessori fino a 20mm. Nel corso del 2012, Francotyp ha lanciato a livello mondiale un’innovativa affrancatrice multifunzione denominata PostBase. Si tratta di una macchina per affrancare all’avanguardia, dal design accattivante, studiata per i piccoli e medi volumi. La piattaforma software di PostBase, permette anche di interfacciarsi al PC automatizzando la gestione di report, centri di costo e rendicontazione.

Un consiglio disinteressato per la scelta della vostra nuova affrancatrice?

Permuta Cartucce affrancatrice esauste?

Spunti per affrancare al meglio prevenendo i fermi macchina?

Per ulteriori info Whatsapp 3923427122 o scegliete cartucce le MINI che fanno per voi